ARti MArziali Fabio Piglia

JEET KUNE DO   KALI   PANANTUKAN   SILAT   TAIJI CHUAN   CHINNA   PAKUA   KUNG FU   PUGILATO   KICK BOXE   MUAY THAI   MMA  

Road Trip

" Road-Trip "

Autore: Fabio Piglia

Allenarsi nel giusto ambiente non vuol dire avere a disposizione la Palestra Perfetta. Condividere le stesse Passioni, costruire nuove Amicizie, sentire che si crea un Gruppo, studiare insieme ma anche condividere la Vita di tutti i giorni, Confrontarsi e Maturare, sono fra i fondamenti della pratica di qualunque sport (per come lo vedo io) e, in particolar modo, delle Arti Marziali. Ogni persona ha le proprie ragioni per iniziare a praticare le Arti Marziali: imparare a difendersi, mantenere il fisico allenato e il cervello attivo, perché l'ha visto fare in un film, per passare il tempo o addirittura sfogarsi dalle frustrazioni...    In realtà non è importante il punto di partenza ma dove si vuole andare e, ancora più importante, come si fa il viaggio.

Molte volte ho visto persone venire in palestra per "spaccare il mondo" e poi sparire dopo due allenamenti. Molto più spesso ho osservato persone intraprendere questo cammino con "timore" e poi, passo dopo passo, crescere esponenzialmente aspirando ad arricchirsi nell’ambito marziale ma soprattutto moralmente. Se sono in vacanza e penso costantemente: "Accidenti tal giorno dovrò tornare a lavorare" e faccio tutti i giorni il conto alla rovescia, vivo nell’angoscia del ritorno e non mi godo le vacanze. E' giusto e importante porsi un obiettivo nella vita, tuttavia, conseguirlo non deve diventare l’unica ragione, altrimenti ci perdiamo il senso del percorso, rischiando così di inaridirci e non crescere. Le Arti Marziali per me sono così, un diesel che parte lento, non viaggia troppo veloce, ma non si ferma mai. Mi voglio guardare dal finestrino tutta la strada e se voglio gustarmi il frutto di quell’albero, mi fermo, scendo e vado a coglierlo. Mantenere la mente aperta e, se possibile, condividere con gli altri questo cammino, è la ricchezza più grande. E’ importante lasciare che le cose fluiscano ma non subirle passivamente. Un “marzialista” sente di non essere mai "sazio" e desidera allenarsi ancora con i compagni di viaggio nonostante le difficoltà, la fatica, i tempi ristretti, i dolori ai muscoli e alle ossa.

Have a good trip!

Facebook
Google+

NEWS

Difesa Personale

Difesa Personale

Partendo dalle Arti Marziali "Classiche" possiamo immaginare una biforcazione concettuale. Il lato A della moneta è la Difesa Personale. Essa è la modernizzazione dell'obiettivo delle antiche arti marziali. Oggi bisogna cavarsela nella vita di tutti i giorni, sopravvivere dove non esistono regole: la strada.

Arti Marziali Classiche

Arti Marziali Classiche

Le Arti Marziali Antiche o "Classiche" sono il punto di partenza della maggior parte degli appassionati. La definizione di Classico presa dal Dizionario della Lingua Italiana (Sabatini Coletti) dice: "Che ha raggiunto una perfezione degna degli antichi, da imitare". Nell'antichità esse preparavano gli uomini ad eccellere nel combattimento, principalmente per difendere la nazione, i nobili o i ricchi o più semplicemente la propria famiglia.

Sport da Combattimento

Sport da Combattimento

Il lato B della moneta ovvero la seconda parte delle Arti Marziali "Moderne". La parte speculare alla Difesa Personale. Lo Sport da Combattimento fa diventare Attività Fisica, Svago, Competizione e Spettacolo, ciò che è nato per la guerra. Le regole, le protezioni, gli arbitri lo rendono accessibile a tutti almeno a livello amatoriale.